Argomenti AttiviArgomenti Attivi  Mostra la lista degli iscrittiLista Iscritti  CalendarioCalendario  Cerca ne ForumCerca  HelpHelp       RegistratiRegistrati  LoginLogin

 

Home     catalogo materiali    piani di costruzione    vecchio Forum    costruzioni      chi siamo       normativa      faq      mappa

 

Cruisers- Racers
 Nautikit Forum :Barche :Cruisers- Racers
Message Icon Topic: HIRUNDO 750 Rispondi Invia un nuovo messaggio
Page  of 5 Next >>
Author Message
crispilo
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

Iscritto: 12 Set 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 1478
Quota crispilo Replybullet Topic: HIRUNDO 750
    Posted: 15 Nov 2010 alle 13:48

Eccoci qui, c'eravamo lasciati sul forum dei cruisers, parlando di barche carrellabili, rieccoci , traslati sulla sezione cruiser-racers, per parlarare di un progetto ormai definito;

innanzitutto la barchetta ha ora un nome: Hirundo 750.

Poi siamo passati dalla sezione cruiser a quella cruiser-racer perchè sviluppando il progetto la barchina ha assunto caratteristiche piuttosto sportive.

Il progetto è definito al 100% , i piani costruttivi sono in fase avanzata di completamento, fase alla quale seguirà una stampa di prova (è incredibile quanto poco si vedano certi errori di formattazione delle tavole sino a che non si ha la tavola cartacea fisicamente in mano), di concerto con Leo posso dire che i piani saranno disponibili a partire dal 1° Dicembre, a breve sarà pronta anche la pagina web relativa.

Partiamo dai parametri fondamentali dell'imbarcazione, innanzitutto :

parametri principali


-lunghezza fuori tutto: 7,99 m (bompresso retratto)

-lunghezza solo scafo: 7,50 m

-lunghezza al galleggiamento : 7,21m

-baglio massimo: 2,50 m

-pescaggio chiglia abbassata: 1,78 m

-pescaggio chiglia alzata: 0,52 m

-dislocamento di progetto: 1800 kg

-peso a secco (barca attrezzata): 1400 kg

-dislocamento massimo: 2100 kg

-zavorra: 430 kg (bulbo 360 kg)

-altezza albero dal galleggiamento "rig regata": 11,58 m

-sup. velica bolina "rig regata": 36 m2

-altezza albero dal galleggiamento "rig crociera": 10,60 m

-sup. velica bolina "rig crociera": 29.7 m2

-gennaker crociera/regata: 30/36 m2

-omologazione possibile: Cat. B5-C7



come potete notaer sono comparse le notazioni "rig regata" e rig crociera; si è infatti deciso di mettere due opzioni per piani velici già da subito perche riteniamo che la barca possa andare incontro a due tipologie di armatore diverse: chi voglia usarla per regate tra le boe può optare per un rig più generoso e tenere gli interni al minimo indispensabile, tenendo così la barca leggera, chi la vuole usare nell'ottica del cruiser carrellabile può optare per il rig "crociera" (che garantisce comunque già un bell'andare) e fare degli interni completi e ragionevomente comodi (stiamo sempre prlando di 750 cm di barca, non scordiamolo); la barca è ovviamente carrellabile e con deriva retraibile a baionetta

ora lascio spazio alle immagini , per le quali ringrazio la società 3digital che le ha prodotte.









IP IP Logged
crispilo
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

Iscritto: 12 Set 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 1478
Quota crispilo Replybullet Posted: 15 Nov 2010 alle 13:58
alcune note sulla tecnica costruttiva e altre immagini:


-Hirundo 750 è strutturalmente una sorellina del Petrel 28,  quindi costruzione in compensato marino col sistema radius chine, paratie e correnti strutturali e fasciame in lastre di compesato , con la zona del ginocchio da costruire in un doppio strato curvato e incollato a freddo; la coperta, la tuga e il pozzetto sono da costruire con il sistema cuci & incolla; per la cassa della deriva si è optato per una costruzione in vetroresina con epoxy, usando la deriva stessa come stampo, e quindi   il manufatto ottwenuto si giunta allo scafo con dei madieri di rinforzo; si è optato per una soluzione più comlpessa di quella, per esempio usata sul saltaspiaggia (cassa deriva in compensato), per avere maggior robustezza e azzerare ogni possibile gioco della deriva nella cassa, dopo tutto a 178 cm di profondità c'è un bulbo di quasi 4 quintali !







IP IP Logged
crispilo
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

Iscritto: 12 Set 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 1478
Quota crispilo Replybullet Posted: 15 Nov 2010 alle 14:06
ultime due immagini e altre note:

-motorizzazione: fuoribordo 3-6 HP su supporto basculante appeso allo speccchio di poppa
-interni: toilette separata, 4 posti letto, cuccetta doppia a prua e doppia a poppa, tavolino da carteggio a murata convertibile in lavello.







buona visione,  per eventuali domande non esitate

IP IP Logged
gianduia70
Senior Member
Senior Member
Avatar

Iscritto: 24 Feb 2009
zona (provincia): Biella
Online Status: Offline
Messaggi: 375
Quota gianduia70 Replybullet Posted: 15 Nov 2010 alle 19:38
molto bella crisp complimenti in effetti somiglia molto al petrel (soprattutto la tuga direi) mi sembra che il pozzetto risulti un pò corto ma ben protetto in oltre ad occhio la scotta randa sembrerebbe poter andare a strisciare sulle sedute quando lascata a proposito quanto spazio c'è tra le sedute?
IP IP Logged
crispilo
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

Iscritto: 12 Set 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 1478
Quota crispilo Replybullet Posted: 15 Nov 2010 alle 23:42
rispondo sulle misure:

-larghezza pozzetto: da 55 a 86 cm tra le sedute andando da prua a poppa (misura presa tra le fiancate verticali)

-lunghezza pozzetto: 218 cm

-scotta randa: in effetti sui piani c'è un punto fisso centrale per la versione crociera, senza la rotaia; la soluzione ideale per una versione regata è la rotaia sospesa tra le sedute e non sul piano pozzetto come sui render; qui entra in ballo cosa uno vuole fare della barca, se vuoi il massimo delle regolazioni accetti di scrificare la vivibilità del pozzetto e ti trovi la rotaia in mezzo alle scatole, se ci devi andare a spasso o fare qualche regata di circolo puoi optare per la rotaia bassa o il punto scotta fisso; idem per il fiocco, sui piani è previsto un punto scotta fisso, la rotaia è data come opzionale per i regatanti sfegatati .
IP IP Logged
galber
Senior Member
Senior Member
Avatar

Iscritto: 26 Ott 2007
Online Status: Offline
Messaggi: 305
Quota galber Replybullet Posted: 17 Nov 2010 alle 11:16

Innanzitutto complimenti al progettista per la sua nuova bellissima creatura, della quale l'unica cosa che non mi convince é il nome scelto.
Ottimi anche i render di eccezionale realismo e che con occhio poco attento é difficile non scambiare per delle vere foto.

Crociera o regata il pozzetto lo preferisco libero da qualsiasi ingombro, punto scotta della randa compreso, per cui il trasto della randa lo vedo meglio posizionato alla base del tambuccio, dove sicuramente non pregiudica la vivibilità esterna e la scotta della randa può distendersi senza alcun problema.

Saluti,
galber
IP IP Logged
crispilo
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

Iscritto: 12 Set 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 1478
Quota crispilo Replybullet Posted: 17 Nov 2010 alle 16:57
grazie per i complimenti !
il nome: Hirundo Rustica, il nome scientifico della rondine...
piccola, agile, veloce, elegante, leggera eppure capace di macinare chilometri a migliaia, tra i nostri tetti e balconi, e l'Africa subsahariana...
e la presunzione che questo progetto possa in qualche modo somigliargli...

parlando si scotta randa invece, che dire, Galber, hai ragione pure te, sono scelte che rientrano nei gusti dei singoli e nelle esperienze veliche che ci portiamo dietro, personalmente preferisco avere la scotta randa con la sua torretta in pozzetto di fronte a che sta al timone; comunque nulla che un autocostruttore non possa personalizzare , in fondo do il gioco è bello anche per questo. 
IP IP Logged
gianduia70
Senior Member
Senior Member
Avatar

Iscritto: 24 Feb 2009
zona (provincia): Biella
Online Status: Offline
Messaggi: 375
Quota gianduia70 Replybullet Posted: 19 Nov 2010 alle 14:24
io  il trasto randa lo posizionerei a poppa con un ponticello sopra al timone tipo mini transat....penso che potrebbe nn essere male come soluzione cosa ne dite?
IP IP Logged
galber
Senior Member
Senior Member
Avatar

Iscritto: 26 Ott 2007
Online Status: Offline
Messaggi: 305
Quota galber Replybullet Posted: 19 Nov 2010 alle 18:21

Penso che potrebbe andare bene, anzi benissimo, poichè il braccio di leva sul boma sarebbe più vantaggioso riducendo così lo sforzo di manovra, ma a patto di trovare una soluzione non troppo ingombrante (come talvolta si vede su alcuni mini) che non ostacoli l'accesso a bordo e la discesa che sulla barca ormeggiata in banchina avviene quasi sempre da poppa.
IP IP Logged
crispilo
Moderator Group
Moderator Group
Avatar

Iscritto: 12 Set 2006
Online Status: Offline
Messaggi: 1478
Quota crispilo Replybullet Posted: 20 Nov 2010 alle 15:44
la rotaia sullo specchio è una soluzione che ho preso in considerazione a lungo in fase di definizione del piano di coperta, poi l'ho scartata, per un paio di motivi, nessuno dei quali per dire il vero fondamentale:
-il boma andrebbe allungato per non fare lavorare il carrello fuori allineamento ( e la rotaia andrebbe comunque montata inclinata, ma non è un gran problema)
-la barra del timone dovrebbe stare sotto la rotaia,  e rimanere sollevabile, il che complica un pò (non tanto, ma un pò sì) le cose.
-rotaie e carrelli sono tra le componenti più costose del piano di coperta.
Speriamo di vederne presto di barche in giro, a testare tutti i 76 sistemi di scotta/trasto randa praticabili...
Wink

Crispilo

IP IP Logged
Page  of 5 Next >>
Rispondi Invia un nuovo messaggio
Versione Stampabile Versione Stampabile

Tu non puoi inviare nuovi messaggi
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi cancellare i tuoi messaggi
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
Tu non puoi creare sondaggi
Tu non puoi votare i sondaggi

Bulletin Board Software by Web Wiz Forums version 8.03
Copyright ©2001-2006 Web Wiz Guide