Stampa la pagina | Close Window

Novità: anteprima IDEA 800

Printed From: Nautikit
Category: Barche
Forum Name: Racers
Forum Discription: Le barche da regata: Idea 19, Didi Mini, Didi 26, Didi 30
URL: http://www.nautikit.com/newforum/forum_posts.asp?TID=839
Printed Date: 18 Nov 2019 alle 15:32
Software Version: Web Wiz Forums 8.03 - http://www.webwizforums.com


Topic: Novità: anteprima IDEA 800
Posted By: crispilo
Thread: Novità: anteprima IDEA 800
Date Posted: 15 Mar 2010 alle 18:00

Eccovi in anteprima alcuni render del nuovo progetto per autocostruttori e piccoli cantieri al quale sto lavorando (sono decisamente a buon punto); i piani saranno in vendita su Nautikit a partire da fine Giugno 2010; si tratta in sostanza di un racer-fast cruiser, una sorta di sorella maggiore di idea 800, da costruire in strip planking con la stessa tecnica della sorella minore, ovvero direttamente eseguendo il fasciame su paratie e correnti, e quindi andando ad eseguire un laminazione strutturale in biassiale sul solo lato esterno; tuga, pozzetto e coperta sono da realizzare in compensato marino con la tecnica del cuci & incolla; la chiglia sarà a baionetta sollevabile con un arganetto interno, la scassa deriva sarà stagna e operabile per tirare su la deriva solo a barca in porto;

prestazioni , robustezza e stabilità sono i perni del progetto, per il quale sono previsti nei piani due versioni del piano velico, con lo stesso albero, una racer e una fast cruise, un po' meno tirata (principalmente con una randa meno allunata, bompresso ridotto poggiato in coperta e senza gennaker in testa albero); alcuni dati essenziali:


  • dimensioni principali : 8,35m (8m solo scafo) x 3 x 1,9 (chiglia abbassata)
  • disloc. vacant ship: 1900 kg (barca equipaggiata pronta alla navigazione, no equipaggio, no viveri e scorte)
  • disloc. di progetto: 2200 kg
  • rig: albero poggiato in coperta , 7/8, due ordini di crocette acquartierate, paterazzo sdoppiato e volanti (versione race) paterazzo singolo (fast cruise), specifiche sui piani per rig in alluminio o in carbonio
  • superficie velica versione race:
  • randa: 30 m2
  • fiocco 103% J: 16 m2
  • frullone: circa 25 m2:
  • gennaker 7/8: 50 m2
  • gennaker testa albero: 75 m2
  • zavorra in chiglia: 600 kg
  • motore: fb 6hp appeso a poppa o entrobordo diesel 13 HP con saildrive o entrobordo elettrico
  • interni: 4 posti letto + 2 in dinette, toilette separata a prua, zona carteggio-radio centrale
  • altezza max interni: 160 cm

  • coefficiente prismatico : 0.55
  • wetted hull area: 15.2 m2
  • momento raddrizzante a 30° : 1870 kg*m
  • LWL: 7.97 m
  • SA/wetted hull area: 2.96
  • SA/disl. ^ 0.66 : 26
buona visione
Crispilo





Risposte:
Posted By: crispilo
Date Posted: 15 Mar 2010 alle 18:04



Posted By: crispilo
Date Posted: 15 Mar 2010 alle 18:10



Posted By: crispilo
Date Posted: 15 Mar 2010 alle 18:14



Posted By: crispilo
Date Posted: 15 Mar 2010 alle 18:18



Posted By: crispilo
Date Posted: 15 Mar 2010 alle 18:21



Posted By: Mistro
Date Posted: 15 Mar 2010 alle 19:09
Originally posted by crispilo

si tratta in sostanza di un racer-fast cruiser, una sorta di sorella maggiore di idea 800,




Intendevi forse sorella maggiore di Idea 19?


-------------
http://www.velablog.com - VelaBlog


Posted By: crispilo
Date Posted: 15 Mar 2010 alle 19:13
ehm, ooooopss, direi di si


Posted By: Mistro
Date Posted: 15 Mar 2010 alle 19:19
L'ho chiesto solo per essere il più preciso possibile nell'articolo che pubblicherò domani mattina sul velablog :-)

-------------
http://www.velablog.com - VelaBlog


Posted By: drmacchius
Date Posted: 17 Mar 2010 alle 01:03
veramente bella, quello che mancava al mercato.....

....peccato che viste le misure non sarà carrellabile....Cry

più che la sorella maggiore di idea 19 la definirei come la sorella maggiore di un mini cruiser tipo te salt o naus.......comunque bella davvero


Posted By: miki
Date Posted: 17 Mar 2010 alle 14:32
molto bella, rispetto alla piccolina, mi piacciono di piu i timoni posizionati più larghi, fuori dal piano del pozzetto.


Posted By: galber
Date Posted: 17 Mar 2010 alle 16:06
Veramene bella, con una linea interessante e  innovativa.
 
Sarà interessante vedere la disposizione degli interni e il rig per impiego nella crociera sportiva, ma la domanda principale che pongo riguarda le ore lavoro necessarie per la costruzione in strep-planking su una barca di 8 metri x3x1,60.
 


Posted By: drmacchius
Date Posted: 17 Mar 2010 alle 19:13
.....a quando una versione "idea medium"di 22-23 piedi, baglio di 2 metri e mezzo, chiglia/deriva mobile e dislocamento sotto i 15 quintali (inm pratica carica e scarica da carrello nel finesettimana)?

.....lo so, non è ancora nata la secondogenita stiamo già qua a chiederti la terza....però 10 piedi di divariotra le due sorelline sono davvero tanti......


Posted By: Pavlik
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 10:15
Molto interessante.
Proprio ieri stavo guardando il progetto K650, visto che ho letto un articolo de "Il giornale della vela". E da lì sono finito su un blog in cui ho trovato un link al Heol 7.40. Mi pare che questo progetto segua un po' quelle linee. Magari riducendo il progetto originale del 10 o 20 % si otterrebbero rispettivamente dei simil Heol o simil K650.....

Magari Crispilo potrebbe fare una veloce valutazione dell' effettiva  possibilità di apportare questo tipo di riduzioni.


Posted By: drmacchius
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 13:39
...l'heol si avvicina molto di più del primo a quello che definisco "fast-cruicer d'latura sportivo"....

Il k650 è tirato come una moto GP......


Posted By: Pavlik
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 14:00
Sì beh, da quanto mi è parso di capire il k650 non ha un sottocoperta....Visto che non ho visto il benchè minimo accenno di tuga. L'Heol invece mi sembra sicuramente più vicino come filosofia. Inoltre anche come misure si discosta di "appena" il 10% dall' idea 800.... Quindi forse è anche più fattibile l'idea di ridurlo proporzionalmente nel caso si volessero misure da barca carrellabile.

Io poi non sono esperto in autocostruzione. Sono andato qualche giorno a Treviso ed ho aiutato un costruttore che si sta facendo un Didi34, con il metodo radius chine. Sembrerebbe alla mia portata, mentre lo stripe planking mi da l'idea di un metodo decisamente più laborioso e lungo. Magari garantisce maggior solidità? O magari è solo un mio preconcetto?


Posted By: Pavlik
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 14:23
Come sempreil limite, almeno per quel che mi riguarda,  sono i prezzi. Sicuramente giustificati, ma in valore assoluto un po' proibitivi. L' Heol, ho letto in giro, costicchia: 37 mila euro, presumibilmente franco cantiere. Quindi aggiungendo l'attrezzatura, l'elettronica, le vele, su velablog stimava non meno di 50 mila... Insomma.... Insomma... un "giocattolo" non esattamente per tutti.... Magari con l'autocostruzione di un'idea 800, con il calcolo empirico del 50% del prezzo di una barca costruita da un cantiere, si potrebbe pensare di stare attorno ai 20-25mila per la barca pronta a navigare !?


Posted By: crispilo
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 20:55

i calcoli di pavlik sui costi direi che mi sembrano davvero  realistici, gli stessi che a spanne ho fatto anche io, con una lista materiali in mano in un prossimo futuro li potremo fare meglio;

 per i piani avevo già deciso di mettere l'opzione "riscalabilità" entro il 5% verso l'alto e il basso, quindi alla fine dei conti si può spaziare per la lunghezza da uno scafo di 7,60m a uno di 8,40.
Mi sono dimenticato di dirlo , ma ovviamente quando parlo di racer intendo per regate lunghe, mettersi a fare a sportellate tra le boe con un "chiattone" simile avrebbe poco senso!
 
visto che si parla di altrre barche vi dico quelli che sono stati i miei riferimenti progettando idea800: pogo 8.50, Bepox 700 e 750, i mini transat, i cass 9.50, elan 310 e first 25.7 e 27.7
 
Sugli interni ci sto lavorando, ci sarà un bagnetto separato (mogli e fidanzate udite udite !!!), una cuccettona doppia a poppa una a V a prua e una dinette trasformabile, il tutto abbastanza leggero ed essenziale .
Circa le ore di lavoro difficile quantificarle, direi probabilmente il 30-40% in più rispetto a idea 19, probabilmente il 30-40% in più anche rispetto al petrel 28, per parlare di barche di dimensioni simili, in realtà solo il guscio dello scafo è più complesso, pozzetto coperta e tuga vanno via lisci a forza di pannellature di compensato;
lo strip planking non è "il diavolo" una volta presa la mano alla posa dei listelli si va via non poi così lenti, e poi non ci si può sempre viziare con il radius chine ! 
Sinceramente non credo per nulla nella carrellabilità di una barca superiore ai 6 metri, alla fine si finisce per trasportarla una volta l'anno, di sicuro non la porti avanti e indietro con disinvoltura (patente E, carrello, una macchina potente, albera e disalbera...) e poi 11 e fischia metri di albero con due crocette non li metti su come se niente fosse. 
Idea 19 per me è il limite superiore della carrellabilità, oltre a parlare di barche carrellabili ci si piglia solo in giro, parere personale.
Chi gira l'italia con un melges 24 attaccato dietro, per necessità di stare in un certo circuito di regate credo capisca bene cosa sto dicendo.


Posted By: FrancoB
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 21:45
Complimenti, molto elegante, molto bella..
e che rendering!
A me ricordava un po il Class 950 che era esposto al salone, ma piu in bello.
Come lo immagini l 'utilizzo ideale di questo modello?
Per la carellabilità al massimo 22' .. è un altro genere..


-------------
.. indispensabile è il viaggio ..


Posted By: crispilo
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 22:08
al salone c'era l'akilaria 9,50 , bellissima !!!
son rimasto un mezz'oretta a studiarmela Tongue
 
utilizzo ideale di idea 800 ???
mmmmmm, vediamo, per la crociera veloce, magari col piano velico più tranquillo, adatta a persone alle quali piacciono le barche sportive e le sensazioni di velocità, e anche andare a vela per il 95% del tempo, a costo di stare con interni un pò spartani e prendersi un pò di spruzzi d'acqua in pozzetto ogni tanto, oppure in chiave più agonistica per regate lunghe, con equipaggio di 2-4 persone a bordo; Roma x 2, Transquadra e Giro di Sardegna, sono le prime che mi vengono in mente, ma l'elenco è parecchio più lungo.
 
quale NON è il suo utilizzo ?
-persone che vogliono navigare paciosamente e in relax
-crociera con spiccate esigenze di comodità.
-esigenza di carrellare la barca frequentemente per ragioni logistiche
 
 


Posted By: crispilo
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 22:12
Originally posted by drmacchius

.....a quando una versione "idea medium"di 22-23 piedi, baglio di 2 metri e mezzo, chiglia/deriva mobile e dislocamento sotto i 15 quintali (inm pratica carica e scarica da carrello nel finesettimana)?

.....lo so, non è ancora nata la secondogenita stiamo già qua a chiederti la terza....però 10 piedi di divariotra le due sorelline sono davvero tanti......
 
già fatta (non io...) !!!!!
DIDI 23, bella, leggera, divertente e facilmente costruibile, meglio di così !!!
 
circa lo scaricarla e caricarla dal carrello per il w-end regolarmente...ehm, ehm...non chiamatemi, avrò sicuramente un impegno....
LOL


Posted By: drmacchius
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 22:34
....se c'è una versione a 7.60 è tutto un'altro discorso, forse con un suv riesci a trainarlo anche senza patente BE, ovviamente 7 metri massimo era meglio......

l'impressione è che a 8 metri una barca così bella ma così sport oriented -sembra un mini di 8 metri- senza un circuito regate a duopo rischia di restare un po' castrata: costi di ormeggio di un petrel ma con interni moltopiù spartanidi un petrel.....

io starei cercando proprio una barca  nello stile di quelle che indicavi tu, anche se su i 22-3 piedi e non 25-26. Una sorta di via di mezzo tra un etap 21i o anche un didi mini curuise e un first 25.7..... una sorta di soleri 26.5 cruise di 23 piedi.......

le linee della tua sono molto belle e non avrei mai pensato ci si riuscisse a tirare fuori due cabine con bagno seprarato a guardare i rendering.....

potrei chiederti delle delucidazioni del progetto?

una costruzione in strip plackin (che credo venga fatta con listellini di cedro- può essere altrettanto robusta di una in radius chine fatta in mogano, okumè e rivestita in vetroresina?

L'idea800 avrà l'opzione "inaffondabile" come l'idea?

la chiglia sarà smontabile per i trasporti o sollevabile da pozzetto per spiaggiare o semplicemente ormeggiare sottocosta?

se si lasciasse costruire in cantiere (tipo tly) pensi che sarebbe possibile raggiungere gli standard necessari per un'omologazione in classe B?

Pensi che i costi di una costruzione professionale siano comunque inferiori a quelli del nuiovo delle dirette concorrenti (soleri e first in primis)?

Gli standard di stabilità saranno paragonabili a quelli di un mini di serie?


Comunque ribadisco che le linee sono bellissime----anche se io l'avrei fatta 70-100cm più corta.....




Posted By: drmacchius
Date Posted: 18 Mar 2010 alle 22:35
...è bella ma tu stesso hai detto più volte che non è di certo una barca pensata per la navigazione d'altura, contrariamente all'idea19.....

...o mi sbaglio.....


Posted By: crispilo
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 09:44
Originally posted by drmacchius

...è bella ma tu stesso hai detto più volte che non è di certo una barca pensata per la navigazione d'altura, contrariamente all'idea19.....

...o mi sbaglio.....
 
mah, basta farla appena più robusta, curare bene le installazioni dell'attrezzatura di coperta rinviando tutto in pozzetto, valutare una eventuale piccola riduzione del rig, fargli un mini impianto elettrico e non credo che vada poi così male, posto che il vero "elemento d'altura " su un 23' carellabile è chi ci sta sopra.


Posted By: drmacchius
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 11:20
....quindi non è una questione di linee d'acqua, momenti raddrizzanti, e stabilità di carena?

in pratica dici che conpoche modifiche potrebbe essere resa comparabile (anche se uno da un progetto oneoff si aspetta la superiorità)  rispetto a progetti commerciali tipo gli etap o i first di pari misura?


Posted By: Pavlik
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 11:24
Senti Cris, io avrei un'idea..... Che ne pensi di progettare un mini 6.50 prendendo spunto dal k650 e dal  Bepox 700   ?!
Ovvero linee dei vor 70 (visto che il k650 dovrebbe avere le stesse identiche proporzioni, e quindi baglio massimo attorno ai 2,50 (magari anche un po' di più) e non completamente a poppa come nei mini attuali) e quindi suppongo un miglior compromesso tra andature portanti e di bolina, che forse è un po' il limite del mini classico.........e carena a spigolo, che è tornata di moda?

Sarebbe fattibile?

Da quanto leggevo tempo fa, mi pareva di aver capito che il nuovo percorso della transat non è più con venti prevalentemente portanti, e quindi le performance di bolina sono diventate importanti.....


Posted By: drmacchius
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 12:24
Originally posted by Pavlik

Senti Cris, io avrei un'idea..... Che ne pensi di progettare un mini 6.50 prendendo spunto dal k650 e dal  Bepox 700   ?!
Ovvero linee dei vor 70 (visto che il k650 dovrebbe avere le stesse identiche proporzioni, e quindi baglio massimo attorno ai 2,50 (magari anche un po' di più) e non completamente a poppa come nei mini attuali) e quindi suppongo un miglior compromesso tra andature portanti e di bolina, che forse è un po' il limite del mini classico.........e carena a spigolo, che è tornata di moda?

Sarebbe fattibile?

Da quanto leggevo tempo fa, mi pareva di aver capito che il nuovo percorso della transat non è più con venti prevalentemente portanti, e quindi le performance di bolina sono diventate importanti.....


....io direi che non ci sarà mai un mini autocostruito o quantomeno un progetto minitransat pensato per autocostruttori che potrà mai e poi mai essere competitivo in un ciscuito minitransat.....

....e il didi mini secondo me ne è la dimostrazione: l'autocostruzione è considerata prototipo e chi inizialmente lo aveva preso per gareggiare, nonostante la propria bravura e le prestazioni veliche della barca, ha ottenuto risultati in classifica deludenti perchè fatto concorrere insieme a prototipi in carbonio da 200mila euro, ed è quindi passato a competere con barche di serie.....

cristian è sicurmente in grado di progettare una cosa simile ma non so se questa è la sede adatta per un progetto del genere.....

...riscalare idea800 a una dimensione che la renda carrellabile credo sia una cosa decisamente più facile e ampierebbe la potenziale schiera di acquirenti....e non lo dico semplicemente perchè alla cosa sono interessato personalmente.

 Non potendo concorrere da monotipo il potenziale acquirente di una barca simile è il giovane adulto (28-40 anni) che cerca una barca sportiva, ma che gli permetta di fare

-la vacanza in costa azzurra o in croazia nelle due settimane d'agosto con la fidanzata/moglie e l'eventuale figlioletto,

- o la giraglia o qualche altra regatella d'altura senza troppe pretese con un paio di amici appassionati

- che possa essere tenuta nel circolo velico del laghetto sotto casa per il giretto della domenica, ma che nonostante tutto possa essere trasportata senza costi elevatissimi nei ponti lunghi o a pasqua quando si vuole fare un po' di turismo nautico  la regatella

-che permetta di non perdere mai la possibilità di sognare di potersi mettere ad attraversare la manica, il tirreno, o l'adriatico in solitario se si dovesse perdere realmente la tesa....

-che permetta al bisogno di non dover vendere la barca se non si vuole pagare le spese di ormeggio e la si vuole tenere nel giardino di casa o nel posto macchina

Sembra folle quelo che scrivo ma in olanda, francia, germania, svezia, australia la maggiorparte dei velisti cerca (e possiede) questo e se devo essere sincero, nella mia piccola esperienza tra le varie scuole di vela italiane sono molti più di quanto si crede quelli che sognano qualcosa del genere.....

Il mercato offre alternative ma al momento sono:

-cercare dei coco, first o etap vecchi di 30anni (che essendo in vetroresina-poliestere non so nemmeno quanto possono avere mantenuto delle loro caratteristiche iniziali) per riuscire ad acquistare qualcosa che costi come una moto sportiva o eventualmente una terza utilitaria per girare in citta

-rinunciare al mutuo per la casa e fare quello per la barca per prendere i corrispettivi nuovi ultra accessoriati

-affidarsi a barconi polacchi (o a sconosciuti cantieri di paesi dove la manodopera cosa 3-4 euro l'ora) perfetti sul lago se non si deve fare regate ma su cui ci penserei 5-6 volte prima di navigare per bonifacio o per le eolie anche in una bella giornata di agosto....

....di solito l'autocostruttore fa da sè -anche se in casi del genere forse è meglio fare una costruzione assistita- non solo per l'amore della falegnameria, ma anche per ridurre i costi a partità di qualità, o per avere qualità nettamente superiore a parità di prezzo o per la semplice personalizzazione:

c'è quello che preferisce il pozzeto più lungo perchè regata con gli amici e la usa come dey sailer d'estate,

c'è quello che la usa in solitario e non glie ne frega niente della doppia cabina ma si accontenta  di un'amaca ma vuole un tavolo carteggio modello ufficio,

quell'altro che la usa prevalentemente d'inverno e vuole avere gli armadietti vicino al tambuccio per mettere le cerate bagnate,

quello che ci va a pescare,

quello che vuole il trasto della randa a poppa del pozzetto per poter alzare il tavolino da pranzo quando è all'ancora,

quello che è alto 2 metri e a cui fanno comodo quei 10-15 cm di altezza in più in quadrato,

quello che ha la moglie claustrofobica e vuole un solo letto ma di una piazza e mezzo,

ecc, ecc....

possono essere svariati i motivi che spingono alla vela, ma non necessariamente tutti coloro che amano lo sport, l'avventura e il campeggio possono o vogliono entrare nei circuiti degli agonisti che vengono pagati -e non devono pagare- per regatare su un melges (o possono permettersi di investire per poterlo fare) potendo fare sport quando vogliono, andare in crociera a scrocco, e comprare esclusivamente una barca adatta al solo campeggio nautico o comoda per la costiera.....

....in mezzo mondo tutti coloro che non possono permettersi di fare "l'armatore" si dedicano all'autocostruzione, e in questi momenti di crisi (sopratutto in italia), alla costruzione assistita o alla costruzione economica in cantiere comninciano a pensarci anche quelli che 20 anni fa avrebbero potuto permettersi di mantenere e far gareggiare un monotipo sportivo e forse anche quelli che potevano fare gli armatori......




Posted By: Pavlik
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 13:58
Beh Drmacchius. Più che una risposta il tuo mi sembra uno sfogo.
Però mi pare che la mia proposta servisse proprio per raccogliere quasi tutte le tue segnalazioni: carrellabile, da lago, da circolo, da campeggio nautico, da mini crociera, da regatina o da regata in solitaria. Magari non proprio la transat, ma regate simili nel mediterraneo dove si bolina (suppongo) molto di più che alla transat. Il tutto a cifre abbordabili e senza velleità di vittoria.
Credo che salpare da soli con una 6.50 sia una vittoria personale in partenza. Concordo pienamente sul fatto che chi desidera cimentarsi in condizioni più eque debba orientarsi verso un mezzo di serie (che in ogni caso vuol dire 50 mila euro) o verso un proto ( 200 mila).
Una cosa che mi è rimasta dal primo corso di deriva, quando facevamo qualche regatina a bastone, era la frase dell'istruttore: se sei dietro, è inutile che copi le manovre di chi ti precede. Sei destinato a perdere. A questo punto si deve osare, a rischio di finire ancora più staccati. Per questo pensavo ad un mini "diverso" con misure più orientate alla bolina. Visto che già in partenza con un autocostruito sei destinato a non vincere, tanto vale cercare un'idea nuova, un progetto diverso da quello di tutti gli altri (almeno nella categoria) e sperare di trovare condizioni di regata tali da porti in vantaggio sugli altri. Se così non fosse, arrivare ultimi il giorno dopo o 2 giorni dopo, non credo faccia poi tutta questa differenza.
E visto che la "lira" scarseggia, se proprio dovessi costruirmi un mini, forse preferirei orientarmi verso un progetto "innovativo" piuttosto che farmi un Didi Mini 6,50 x 3, esattamente uguale a tutti gli altri, ma 200Kg più pesante, con la chiglia fissa e dover confrontarmi con i proto !!


Posted By: crispilo
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 15:05

progettare un mini "diverso" vuol dire relegarsi a delle nicchie di condizioni meteo che alla fine semplicemente non pagano su una stagione di regate, il livello di prestazioni di un mini riguarda lo scafo puro probabilmente non più del 30-40%, il resto sono equipaggiamento, autopiloti ultima generazione, vele, preparazione dello skipper alle manovre, alla gestione della fatica e dei livelli di motivazione, determinazione nel tirare al massimo sempre; il mercato dei serie è già bello pieno di modelli nuovi (dingo 2 , nacira, D650, e altri) che presumibilmente  morderanno le code ai pogo 2 nei prossimi anni, i proto sono tirati come pesi e linee d'acqua; fare un mini stretto ha , per me, pochissimo senso, ti manca potenza, e su quelle barche la potenza se non è tutto , è molto.

come in tutte le classi open si arriva adopo un certo periodo a capire in quale angolo della box rule ci sono le massime prestazioni e le differenze si assottigliano, è normale, e credo sia difficile che con le regole attuali qualche genialoide possa far "saltare il banco" proponendo un mini vincente radicalmente diverso dagli altri.
 
Carrellabilità: sarò noioso, ma frequento abbastanza i marina da essere realista , quasi nessuno da noi se ne va in giro con 1200-1500 kg di barca se non una volta l'anno per portarlo magari dal piazzale di invernaggio al mare,
 
Compromessi: Dr Macchius, una barca è frutto di scelte e compromessi, la barca che cerchi tu, mi space dirtelo, semplicemente non può esistere perchè vuoi tutto e il contrario di tutto!
Smettiamola di mitizzare Francia e Olanda e simili, loro semplicmente si "accontentano" di veleggiare , anche con dei carrettoni galleggianti , con le quali ne io ne te andremmo0 kanco a tirare due bordi, perchè per la loro cultura è più importante uscire in mare che il mezzo con cui lo fanno, ma stai tranquillo che quando un olandese decide di fare la Giraglia (che sta a una "regatella" come la Dakar a un giro fuoti porta...) si fa la barca hi tech tirata al massimo e con le componenti migliori e valì con il coltello tra i denti, non lo fa con la barchetta con la quale va a pescar granchi.
 
Agonismo e barche sportive: a me in questo momento interessava progettare una barca marcatamente sportiva con un target ben definito, può piacere o meno, non ho mica detto che debba essere la barca per tutti, non mi interessava fare una roba all round con la quale portare la fidanzata a fare un giro, la crociera familiare, la regatine del circolo, e di tutto un pò.
Idea 19 in questo senso era più versatile, questa è sicuramente più mirata ad un utilizzo specifico.
 


Posted By: drmacchius
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 15:55
Originally posted by crispilo

progettare un mini "diverso" vuol dire relegarsi a delle nicchie di condizioni meteo che alla fine semplicemente non pagano su una stagione di regate, il livello di prestazioni di un mini riguarda lo scafo puro probabilmente non più del 30-40%, il resto sono equipaggiamento, autopiloti ultima generazione, vele, preparazione dello skipper alle manovre, alla gestione della fatica e dei livelli di motivazione, determinazione nel tirare al massimo sempre; il mercato dei serie è già bello pieno di modelli nuovi (dingo 2 , nacira, D650, e altri) che presumibilmente  morderanno le code ai pogo 2 nei prossimi anni, i proto sono tirati come pesi e linee d'acqua; fare un mini stretto ha , per me, pochissimo senso, ti manca potenza, e su quelle barche la potenza se non è tutto , è molto.

come in tutte le classi open si arriva adopo un certo periodo a capire in quale angolo della box rule ci sono le massime prestazioni e le differenze si assottigliano, è normale, e credo sia difficile che con le regole attuali qualche genialoide possa far "saltare il banco" proponendo un mini vincente radicalmente diverso dagli altri.
 
Carrellabilità: sarò noioso, ma frequento abbastanza i marina da essere realista , quasi nessuno da noi se ne va in giro con 1200-1500 kg di barca se non una volta l'anno per portarlo magari dal piazzale di invernaggio al mare,
 
Compromessi: Dr Macchius, una barca è frutto di scelte e compromessi, la barca che cerchi tu, mi space dirtelo, semplicemente non può esistere perchè vuoi tutto e il contrario di tutto!
Smettiamola di mitizzare Francia e Olanda e simili, loro semplicmente si "accontentano" di veleggiare , anche con dei carrettoni galleggianti , con le quali ne io ne te andremmo0 kanco a tirare due bordi, perchè per la loro cultura è più importante uscire in mare che il mezzo con cui lo fanno, ma stai tranquillo che quando un olandese decide di fare la Giraglia (che sta a una "regatella" come la Dakar a un giro fuoti porta...) si fa la barca hi tech tirata al massimo e con le componenti migliori e valì con il coltello tra i denti, non lo fa con la barchetta con la quale va a pescar granchi.
 
Agonismo e barche sportive: a me in questo momento interessava progettare una barca marcatamente sportiva con un target ben definito, può piacere o meno, non ho mica detto che debba essere la barca per tutti, non mi interessava fare una roba all round con la quale portare la fidanzata a fare un giro, la crociera familiare, la regatine del circolo, e di tutto un pò.
Idea 19 in questo senso era più versatile, questa è sicuramente più mirata ad un utilizzo specifico.
 


....infatti non ho mosso critiche, ho detto che è bellissima....

semplicemente ho fatto una battuta dicendo che sembra più un mini di 8 metri che la sorella maggiore di idea19.....e tu stesso lo hai confermatoSmile

...senza rancore nè polemiche....

probabilmente la barca che cerco non esiste o mi tocca prendere un serie che costa quanto un monolocale oppure mettermi a studiare e capire quali sono i motivi per cui un idea19 possa essere idonea all'altura (o semplicemente omologato in classe B) mentre un didi 23 no......

...rispetto a quando iniziai a scrivere sul forum adesso vivo in germania al confine tra lussenburgo e francia........per navigare ho a disposizione a mezz'ora da casa nella bella stagione un laghetto dove tira sistematicamente vento fresco (se non fosse per la temperatura dell'aacqua sarebbe perfetto per il windsurf) e dove più di tanto non puoi tirare perchè avrà una circonferenza di si e no 30 km (i cat possono savigare solo sino ai 18 piedi perchè quelli più grandi avrebbero bisogno dei pattini per poter andare a viraresul prato), il reno dove al limite vai prenderti il sole con la randa terzarolata per non rischiare di avere troppa velocità e andare a sbattere contro qualcosa.......

.....altrimenti resta la manica (coste francesi, belche e olandesi a 2 ore da casa) dove le condizioni di mare e vento non sono bellissime per gli esperti  e chi ama il mare ma non permettono di scherzare (si panerebbe a 10 nodi pure con una chiatta con la sola superficie velica dell'albero)......e infatti nelle scuole di vela belghe, inglesi, svedesi e tedesche per accedere ai corsi di day-sailer (i nostri precociera) pretendono un'esperienza di navigazione praticamente doppia a quella che si richiede nelle scuole italiane (caprera-levante-orca miseria) richiedono per i corsi di altrura.....

Inoltre ho 29 giorni lavorativi di ferie l'anno (circa 6 settimane effettive), più le feste comandate e gli eventuali recuperi notte....quindi pensare di caricarsi la barca e portarsela in tirreno/adriatico d'estate e un po' alla volta, con gli anni, girarsi tutte le bellissime isolette dei nostri mari non mi sembra un'idea tanto strampalata.....

partire da pozzallo e andare a malta o a lampedusa non è una traversata atlantica ma non si può definire navigazione costiera, come non lo è arrivare in sardegna o arrivare a stromboli.......

quindi se ci pensi, si fa presto ad aver bisogno di una barca carrellabile cxon cui divertirsi la domenica nel laghetto sotto casa e cin ci parteipare alla regatella di club, estremamente marina per fare nacigazione costiera nel ponte di pasqua o di hallowen nel mare più vicino, e crociera costiera/piccola altura in estate nel mediterraneo.....

pensavo che la barca che rispondesse a tutte le mie esigenze fosse un didi 23 ma QUI mi è stato sempre detto che per tale scopo era decisamente meglio idea19 -che mi sta un po' "stretta"- per questioni di stabilità e sicurezza.....

...a questo punto cercherò di contattare dix per vedere se è facilmente modificabile per fare quello che vorrei fare io, altrimenti mi rassegneròa cercare un coco o mini prima serie o qualche vecchio etap/first sotto i 25 piedi....Ouch






Posted By: crispilo
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 16:03
scrivere a Dix mi sembra un ottima idea, è molto gentile e disponibile.
E sicuramente ti potrà dare un paere esaustivo sul 23.


Posted By: drmacchius
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 16:25
...ma un'idea 19 costruita in cantiere ha i prerequisiti per una omologazione di tipo B?

...pensi che sia fattibile la cosa anche con un didi 23?


Posted By: crispilo
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 16:35
idea 19: ho qualche riserva sulla deriva pivotante, può darsi che ti chiedano un sistema di bloccaggio meccanico, per il resto è rpogettata per eesere un calsse B, il didi 26 è già stato omologato in classe B, ho curato la pratica io, non conosco il 23.
L'unico motivo per il quale mi viene in mente che un atuocostruttore debba sbattersi per omologare calsse B la sua barca e perchè la deve immatricolare per questioni legate a transiti frontalieri.


Posted By: drmacchius
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 17:25
Originally posted by crispilo

scrivere a Dix mi sembra un ottima idea, è molto gentile e disponibile.
E sicuramente ti potrà dare un paere esaustivo sul 23.


...non so se è una leggenda metropolitana, ma per oltrepassare le 12 miglia dalla costa la barcanon deve essere immatricolata? E per essere immatricolata non ci vuole l'omologazione?


.


Posted By: crispilo
Date Posted: 19 Mar 2010 alle 17:51
cerca nella sezione normativa del sito, dovrebbe esserci tutto


Posted By: crispilo
Date Posted: 24 Mar 2010 alle 08:59
a breve dei render degli interni, uno schema delle strutture e i diagrammi di stabilità di idea 800; il progetto sta prendendo forma :-)

Crispilo


Posted By: crispilo
Date Posted: 26 Mar 2010 alle 15:40
riprendiamo a parlare di IDEA 800; ecco la configurazione degli interni e alcuni render "dall'interno", sono lungi dall'essere perfetti,mancan ancora alcuni elementi (il corrente di cinta per esempio) ma mi interessa dare l'idea di come sono organizzati gli spazi;

partendo dalla discesa sottocoperta:
-a sinistra toilette separata con porta
-subito a destra scendendo dal tambuccio la doppia cuccetta di poppa , che stavolta è realmente utilizzabileper am,piezza e altezza interna, specie se si decide di optare per ilmotore Fb invece dell'entrobordo
-al centro del paiolato la cassa della deriva e subito a prua il puntone dicontrasto dell'albero e il tavolino pieghevole su di esso montato
-sui due lati la dinette che forma un piano unico con la cuccetta a V a prua
-manca una zona quadro elettrico e radio, devo capire bene dove conviene metterla, idem per il cucinotto, anche se vistala barca sono tentato di non metterlo e lasciarlo all'iniziativa dei costruttori. 


pesi: in configurazione "cruise" quindi con interni in pannellatura di compensato marino, albero e boma  in alluminio, motore FB,  la barca pesa 2200 kg in assetto di navigazione con due persone a bordo, acqua e bagagli; se si opta per il motore entrobordo aggiungere circa 80-90 kg.
A voi i commenti, vi chiederei solo di evitare di trasformare il thread in una generica discussione sulle barche ideali e l'autocostruzione.

grazie e buon w-end



Crispilo








Posted By: crispilo
Date Posted: 26 Mar 2010 alle 15:50










Posted By: miki
Date Posted: 26 Mar 2010 alle 18:41

secondo me è proprio una bella barca, poi se possa essere ideale per uno e non per l'altro è tutta un'altra discussione.

se posso dare un consiglio personale, metterei la zona strumenti in corrispondenza della paratia del wc, anche se limiterebbe un pò la cuccetta di prua.( non so di quanto, non conosco le misure).
 il cucinotto lo metterei di fronte alla porta del bagno, magari su un piano che si possa tirar giù all'occorrenza... se potessi inizierei subito a costruirlaSmile


Posted By: drmacchius
Date Posted: 26 Mar 2010 alle 19:26
....bella.

Se nel baggno non ci sono impianti particolari e non ha una chiusura stagna che so, per renderla inaffondabile, io non lascerei al costruttore solo la sceltasu dove posizionare il cucinotto o il carteggio, ma lascerei direi solo cosa non può essere mutato e darei dei consigli generali.

Un barca così non è difficile che la realizzi un gruppo di amici che vogliono regatare e vogliono ampio spazio per vele o un locale attrezzato per appendere le cerate senza inumidire le cuccette,

come potrebbe volerlo la coppia con bambini che vuole il letto matrimoniale comodo e la cuccetta singola ma più spazio per la cucina e il frigo

come potrebbe volerla il navigatore solitario che dorme sull'amaca ma vuole spazio per le provviste e un tavolo da carteggio grande quanto un tecnigrafo quando si fa le transat.....

Una barca con linee  del genere interessa un particolare target di armatori, ma che proprio per questo possono avere una miriade di esigenze diverse:

....se non ci aono impianti particolari da "nascondere" cercherei ddilasciari "l'arredo" interno il più libero possibile ma darei dei consigli o aggiungerei anche i piani di alcuni "gadget" utili tipo cucinini a scomparsa, sgabelli che nasconodono porta potti, tavoli carteggio che all'occorrenza si si trasformano in cuccette.....



Posted By: crispilo
Date Posted: 29 Mar 2010 alle 09:21
grazie per i consigli, in effetti modificare gli interni è piuttosto facile, gli impianti su un 8 m non sono co,plicati, e li puoi spostare dove vuoi.
Se siopta per fare i pannelli degli interni in sandwich leggero invece che in legno ti tiri via 35 kg circa, mica pochi...


Posted By: gianduia70
Date Posted: 29 Mar 2010 alle 21:15
bella bella bella!!!!!!! mi piace proprio questa ideona sono anche daccordo sulle dimensioni mi pare assurdo fare un i20 -21 -22 ecc teniamo presente che secondo me con i19 siamo già al limite della carrellabilità e con questo intwendo nn solo il trasporto di per sè  ma anche l'alaggio , l'armare l'albero ecc.
per quanto riguarda gli interni magari si potrebbe attrezzare il cucinotto sul fianco della paratia del wc sacrificando una parte della dinette anche se la presenza della cassa deriva magari infastidisce un pò  tra l'altro dal render parrebbe che la cassa nn sia molto alta (quanto può rientrare la deriva?)


Posted By: crispilo
Date Posted: 30 Mar 2010 alle 10:00
la cassa deriva spunta dal paiolato della cabina 40 cm; il pescaggio della barca a deriva tutta sollevata ( e non considerando i timoni) è di 70 cm, diventano 76 cm considerando i timoni, ma su questi per quanto riguarda superficie , profili e accidenti vari ci devo ancora lavorare, quindi può darsi che alla fine il pescaggio risulti 70 cm anche compresi i timoni.

Crispilo


Posted By: galber
Date Posted: 30 Mar 2010 alle 12:34

Però!!!... Un pescaggio di 70 cm non é cosa da niente e anche se di poco é superiore alla profondità di immersione dello scafo del nostro Comet 850 che dislocava 3 tonnellate.


Da uno scafo che penso debba essere planante mi aspettavo un pescaggio nettamene inferiore, nell'ordine di circa 30 cm come quello del DD26 o al massimo una quarantina considerando il superiore doslocamento, in modo che all'occorrenza fosse possibile anche poter spiaggiare, cosa non infrequente nel turismo costiero e che rende particolarmente apprezzabile una barca con deriva mobile.




Posted By: crispilo
Date Posted: 30 Mar 2010 alle 14:03
calma calma , il pescaggio del corpo canoa è 31 cm, poi ci metti il bulbo e una parte della pinna che rimane fuori scafo anche a deriva sollevata e arrivi a 70 cm.



Posted By: scubacat
Date Posted: 08 Apr 2010 alle 11:07
Mannaggia...se ho letto bene parliamo di un baglio di 3 mt.

Misura importante sia per i "posti barca" che per eventuale carrellabilità.

Non riesco a trovare un 8 metri (circa) con baglio max 2,55.

Grazie per indicazioni in merito.

E al progettista......studiarne una ad hoc?

Vedo che le carrellabili sono sempre più richieste.


Posted By: galber
Date Posted: 08 Apr 2010 alle 11:22
Originally posted by scubacat

Mannaggia...se ho letto bene parliamo di un baglio di 3 mt.

".... Non riesco a trovare un 8 metri (circa) con baglio max 2,55...."
 
 
Ma hai guardato nel sito di Nautikit?... Mi pare che ci sia proprio quello che ti occorre, il http://www.nautikit.com/didi26.htm -  , cabinato sportivo 8 metri x 2.50 deriva mobile abitabile x 4.
 
 


Posted By: scubacat
Date Posted: 08 Apr 2010 alle 11:30
Altro che se l'avevo visto ma ce la fai stare tu mia moglie in barca con bambina, che dico per 2 notti, con un'altezza interna del DIDI 26? Io poi sono 1,80 e come ex proprietario di un FIRST 21.1 sarei pure stufo di ingobbirmi o muovermi in ginocchio.
Quello che faccio fatica a trovare è una altezza interna di 170 cm (che basterebbero a mia moglie e mi renderebbe meno gobbo) con le altre caratteristiche sopracitate. Botte piena e moglie ubriaca?


Posted By: crispilo
Date Posted: 08 Apr 2010 alle 11:32
Balbi ed Ellebi devono avere la fila fuori dai rivenditori....
Mah...


Posted By: Pavlik
Date Posted: 08 Apr 2010 alle 11:38
E fare il Didi 26 con la cappottina in stile cabriolet? Così quando c'è la bella stagione apri la coppotte e l'unico limite è boma :D:D:D:D:D:D:D

Stavo riguardando il disegno del Didi 26 e visto che ha il pozzetto lungo ho provato a tagliare la poppa per portarlo a 6,5 metri per rientrare nella classe mini ma con un baglio max di 2,5 che riporterebbe alle proporzioni dei vor a cui avevo accennato..... Sembrerebbe un'operazione non particolarmente complessa..... immagino però che poi si dovrebbe rivedere il posizionamento dell' albero......


Posted By: crispilo
Date Posted: 08 Apr 2010 alle 12:12
scusa, ma con Dix che fa DUE e dico DUE progetti di mini, il "vecchio " e il mk3, anzi tre se contiamo il dini mini cruise (che per me non ha senso), tu vuoi accorciare il didi 26 per farlo rientrare nella classe mini ?????
che senso ha ?
io non ci capisco più nulla!!!

comunque grazie, vi avevo per cortesia chiesto di non trasformare il thread su IDEA 800 nel bar sport...

Thumbs%20Down

Io la chiudo qui, a questo punto fate e scrivete quello che vi pare


Posted By: Pavlik
Date Posted: 08 Apr 2010 alle 12:14
Hai ragione Cris, infatti ho aperto un nuovo 3D a riguardo.....avrei dovuto farlo prima


Posted By: Pavlik
Date Posted: 08 Apr 2010 alle 12:21
Forse il titolo del 3D "Anteprima", almeno a me, ha dato l'idea che fosse una cosa ancora in fase di progettazione, e aperta a modifiche, e la cosa ha alimentato la mia fantasia e quella di altri e ci siamo sbizzarriti con domande, e richieste.
Non penso che sia stato tutto tempo sprecato e che abbia creato scompiglio.
Ognuno ha in testa la sua barca ideale, che poi magari, anzi, sicuramente non è realizzabile, come hai spesso scritto.
Spero che il nostro pot pourri di interventi possa averti aiutato nel definire qualche dettaglio che magari non avevi ancora considerato.

Capisco anche  che le troppe pagine OT possano averti infastidito e da parte mia me ne scuso.

Ciao


Posted By: drmacchius
Date Posted: 08 Apr 2010 alle 21:13
Originally posted by scubacat

Altro che se l'avevo visto ma ce la fai stare tu mia moglie in barca con bambina, che dico per 2 notti, con un'altezza interna del DIDI 26? Io poi sono 1,80 e come ex proprietario di un FIRST 21.1 sarei pure stufo di ingobbirmi o muovermi in ginocchio.
Quello che faccio fatica a trovare è una altezza interna di 170 cm (che basterebbero a mia moglie e mi renderebbe meno gobbo) con le altre caratteristiche sopracitate. Botte piena e moglie ubriaca?
 
se vuoi un´altezza in cabina del genere o ti dimentichi la sportivitä o ti dimentichi la linea......
 
nellámbito dei progetti non lo so, ma sul commerciale ci sono diversi progetti tipo "bavaria"-carrellabile, ossia il massimo spazio possibile nella minore lunghezza, ma tutto sono tranne che barche sportive. Alternativa e´mettere la tuga a mo´di "tenda iglou", ossia sullo scafo sportivo di una barca dinamicha, alzare semplicemente la tuga fin quasi sotto il boma, senza veriare realmente il rig......come hanno fatto col soleri 26 e 1/2 cruise......ma la linea te la scordi: il risultato e´simile a quelle barche similchiatte che si trovano nei canali artificiali del reno, del belgio o dell´olanda.........ma tutto si puö dire tranne che siano belle.
 
Il miglior compromesso tra linea/prestazioni e abitabilitä penso che tu lo avessi giä, ossia il first 21, se non ti bastava secondo me dovresti andare su una barca piü grande.
 
Comunque prova a contattare Dix, mi ha scritto che sta preparando una versione Sport cruise del didi 26 riscalabile come il didi 23. Dovrebbe essere almeno una decina di centimetri piü alta; se al limite lavori sulla tuga riesci ad arrivare magari anche a 20, anche se perdi di armonia delle linee. Non ho la piü pallida idea di quando il nuovo progetto sarä disponibile.


Posted By: scubacat
Date Posted: 12 Apr 2010 alle 22:41
Perdona...chi è Dix e come lo contatto?
In merito al Soleri 26 da un'immagine che ho trovato più o meno di profilo non mi pareva così sgraziata e dichiarano 180 cm max.... a me basterebbe arrivare a 170.
Grazie per l'indicazione


Posted By: Leo
Date Posted: 12 Apr 2010 alle 23:34
Originally posted by scubacat

Perdona...chi è Dix e come lo contatto?
 
... Confused
Son quasi dieci anni che la NAUTIKIT distribuisce i piani di Dudley Dix in Italia!!!
http://www.nautikit.com/Didi.htm - http://www.nautikit.com/Didi.htm
puoi chiedere direttamente a lui ma anche noi, che siamo i suoi agenti italiani Wink
 
Dudley dix , sulla pagina del Didi Mini Mk3 del suo blog (  http://dudleydix.blogspot.com/2010/02/didi-mini-mk3.html - http://dudleydix.blogspot.com/2010/02/didi-mini-mk3.html  ), "accenna" al  Didi 28, derivato dal 26, del quale mantiene molte caratteristiche ma è più orientato alla crociera, con un considerevole aumento del baglio ( con buona pace dei sostenitori della barca carrellabile...) e dei volumi interni.
Il progetto non è ancora pronto, uscirà nei prossimi mesi...
In tutto questo non c'è alcun paragone con l'Idea 800 che come ha detto Cristian ha un diverso target e altri punti di riferimento.
 
  
Leo
 
 
 


Posted By: scubacat
Date Posted: 12 Apr 2010 alle 23:52
Purtroppo se il nuovo progetto prevede un incremento considerevole del baglio sono fuori gioco. Nel mio posto barca  devo rimanere entro i 260 cm, che è una bella limitazione!
Grazie per l'indicazione.


Posted By: Leo
Date Posted: 13 Apr 2010 alle 00:05
 
Se il tuo problema è il baglio massimo limitato ai 2.60m, allora dovresti realmente considerare il Petrel 28:
http://www.nautikit.com/Petrel28.htm - http://www.nautikit.com/Petrel28.htm
che ha un baglio massimo di 2.62m... limando 1cm per murata arrivi proprio alla tua misura.  
Tra l'altro il petrel 28, nonostante il suo massiccio aspetto da Cruiser senza compromessi, in navigazione ha dimostrato inaspettate doti di velocità e manovrabilità...:
http://www.velablog.com/2009/09/04/petrel-28-la-prova-in-mare-definitiva/ - http://www.velablog.com/2009/09/04/petrel-28-la-prova-in-mare-definitiva/
 
 
 
Leo
 
 
 


Posted By: crispilo
Date Posted: 29 Apr 2010 alle 17:07
il progetto va avanti con la definizione dei dettagli strutturali e un conteggio esatto dei pesi, sie per calcolare il trim esatto che per capire dove è possibile qualche "dimagrimento" .


Posted By: gianma
Date Posted: 17 Nov 2010 alle 14:19
Originally posted by crispilo

il progetto va avanti con la definizione dei dettagli strutturali e un conteggio esatto dei pesi, sie per calcolare il trim esatto che per capire dove è possibile qualche "dimagrimento" .


qualche novità?


-------------
http://img30104.pictiger.com/images/13300728/">
Let Me Go a panarea


Posted By: crispilo
Date Posted: 17 Nov 2010 alle 16:45
il progetto è continuato ad andare avanti, sebbene a rilento , anche perchè ho deciso di dare la precedenza al 750 carrellabile Hirundo 750 (vedi thread alla sezione cruiser-racer), ed è di fatto ormai concluso, tutte le strutture e i pesi sono stati verificati e "assestati"; ora dovrò iniziare il faticoso processo di disegno e formattazione delle tavole di costruzione, cioè il cartaceo che i costruttori si troveranno in mano. Non chiedetemi date, per ora... 


Posted By: crispilo
Date Posted: 06 Lug 2011 alle 15:52
botta di vita per idea 800: tutta la barca è stata riscalata sino a 850 cm di solo scafo, aggiornata la superficie velica, nuovo disegno per la  tuga con più altezza interna, siamo a qualcosa più di 180 cm, inalterata zavorra e pescaggio; prossimamente qualche immagine...


Posted By: crispilo
Date Posted: 29 Lug 2011 alle 17:09
ecco una vista laterale con la nuova tuga e lo scafo riscalato, il pescaggio è rimasto inviariato, così come il layout geenrale degli interni e del pozzetto; il motore rpevisto è un entrobordo diesel con trasmissione saildrive da 13 HP, o ppure per chi volesse contenere al  massimoi piesi in un ottica regata, un fuoribordo da 6 hp su un supporto a poppa.




Posted By: crispilo
Date Posted: 29 Lug 2011 alle 17:38
due viste degli interni; si è riusciti a ricavare un tavolo da carteggio abbattibile, una piccola mensola per radio, GPS, quadro elettrico e strumenti di gestione delle batterie;
le cuccette risultano lunghe 1.95 m circa, nella versione con entrobordo di fatto ci sono 5 cuccette, l'ingombro del motore tira via la seconda cuccetta di poppa, riducendola ad un capiente ripostiglio, cuccetta che invece rimane meglio utilizzabile se si opta per il motore fuoribordo ;  il motore EB è ispezionabile bene su 3 lati " e mezzo", su 4 se si lascia un potello stagno nel piano del pozzetto.

  





Posted By: gianma
Date Posted: 09 Set 2012 alle 23:34
mi ricorda l'explorer20 di Bertorello.

-------------
http://img30104.pictiger.com/images/13300728/">
Let Me Go a panarea


Posted By: crispilo
Date Posted: 10 Set 2012 alle 16:13
deve essere una mia maledizione, sarà un karma cattivo chemi porto dietro da vite precedenti; ogni barca che disegno mi sento dire "mi ricorda l'Explorer 20..."  LOL.
Scherzooooo !
Scherzi a parte, per l'idea 19 il paragone ci sta tutto e gli aspetti comuni ci sono, questa ha in comune con l'explorer 20 solo il fatto di essere una barca a vela piuttosto sportiva.


-------------
www.modernwoodenboat.com



Stampa la pagina | Close Window

Bulletin Board Software by Web Wiz Forums version 8.03 - http://www.webwizforums.com
Copyright ©2001-2006 Web Wiz Guide - http://www.webwizguide.info