Nautikit - Il catalogo nautico per 

la costruzione, l'allestimento e la manutenzione delle barche

 

forum

Home    catalogo    sommario barche    costruzioni    chi siamo     forum    newsletter    normativa  faq   mappa    contatti 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

i materiali nel catalogo:

 

 

 

"Lunica"……..una gran bella barca !!!!

La cronaca……lunga e dettagliata della sua nascita.

Testo e foto di Stefano Guazzaroni

 

Già dall’estate 2003, mi ero messo in testa di costruirmi una barca a vela.

Naturalmente doveva essere in legno, o meglio, in compensato marino e fu così che incominciai a "navigare"ma solo su Internet.

Per un paio di mesi "navigai" in lungo e in largo sulla rete, andando a cercare qualcosa che si potesse adattare alle mie esigenze, che in quel momento, erano di costruire una barca poco impegnativa dal punto di vista logistico, quindi carrellabile, per portarla a casa la sera, e da armare e disarmare velocemente, abitando a soli 10 km dal mare.

Mentre dal punto di vista delle prestazioni, doveva essere semplicemente una barca per andare a passeggio con la famiglia, o al massimo fare qualche piccola gita giornaliera su qualche spiaggetta non raggiungibile diversamente, quindi senza alcuna pretesa corsaiola, ne velocistica.

La mia scelta cadde su una deriva di Dudey Dix, l’Argie 15, lunga appunto 15 piedi e larga 1,83 metri, ordinai subito i disegni e così anche per me, incominciò "l’avventura".

Una volta studiati ed esaminati attentamente i disegni, mi accorgo che la barca, aveva si una linea bella ed accattivante, ma era molto razionale e spartana nel suo interno ( pozzetto) e nella realizzazione dell’armo velico, cosa che io non consideravo assolutamente come un difetto, ma bensì come un pregio, in quanto proprio perché razionale e spartana, lascia molto spazio alla fantasia di chi la costruisce.

 

 

Quindi decido di utilizzare i piani di costruzione, solamente per realizzare lo scafo, mentre per il resto, decido appunto di impostare la costruzione a "modo mio".

Appena arrivati i sei fogli di compensato marino da 6 mm di okumè, marcato "WBP", ho riportato su di essi i disegni in scala 1:1 dei pannelli che compongono lo scafo, rilevando scrupolosamente le misure dai piani di costruzione, quindi li ho tagliati con il seghetto alternativo sovrapponendo i fogli (dove serviva) per avere i pezzi perfettamente speculari e portati a misura per bene, con la levigatrice a nastro.

In seguito, su un semplice scalo formato da due assi di circa 100x100 mm. lunghe un po’ più della barca, ho unito i pezzi con il sistema "cuci e incolla", così in poco tempo la barca ha preso la sua forma.

 

 

A questo punto, subentra una pausa di riflessione che dura più o meno un mese, durante la quale decido e pianifico, a grandi linee i metodi e le soluzioni, su come portare a termine la costruzione.

Per prima cosa, ho incollato due correnti, in legno di pino da 40x20 mm lungo le due fiancate, da prua fino a poppa, ed uno anche sullo specchio di poppa. I correnti, li ho uniti insieme, nei rispettivi angoli, (quello di prua e i due a poppa) tramite fibra di vetro e resina epossidica addensata. 

Per tenerli aderenti alle fiancate della barca durante l’incollaggio, avevo precedentemente praticato dei fori da 6,5 mm. ogni 500 mm., passanti sia sui correnti che sulla fiancata, quindi li ho fissati con delle viti M6 e rispettivi dadi, che una volta essiccata la resina ho provveduto a togliere.

Ho fatto anche in modo che l’altezza di fissaggio dei correnti sulle fiancate, delimitasse l’appoggio della panca, su cui sedersi durante la navigazione.

Quindi, rilevando le quote sul disegno, ho posizionato e delimitato i tre gavoni stagni, (uno a prua, uno al centro ed uno a poppa) tramite dei listelli da 20x20 mm. di pino incollati al fondo ed alle fiancate della barca, con resina epossidica addensata e tenuti fermi, utilizzando degli stecchini di bambù (quelli grandi, di diametro circa 3 mm.) a mò di chiodi, impregnati di resina liquida.

Una volta essiccato il tutto, ho incollato e "inchiodato" (...con lo stesso metodo) le paratie, sempre in compensato marino da 

6 mm. ottenendo così una struttura globale, molto rigida e compatta.

 

 

Successivamente, ho provveduto a costruire sopra il fondo del pozzetto, sia a proravia che a poppavia della panca centrale, ma staccato di un paio di centimetri una sorta di paiolato che contribuiva a dare un aspetto più piacevole e di sicuro a rendere più asciutto il fondo della barca.

Per fare questo, ho incollato e fermato, sempre con il solito sistema descritto sopra, un listello di pino a dritta ed uno a sinistra da 20x20 mm. a filo dei due spigoli, internamente alla barca, seguendo l’andamento del fondo e quindi di fatto, sopra ai nastri di fibra di vetro che servono a collegare i due pannelli di compensato, in seguito ho incollato un altro listello sempre di pino ma di sezione 30x10 mm. messo di coltello a ridosso ed esternamente ai precedenti, formando una sorta di guida, larga più o meno quanto la parte piatta del fondo della barca.

A questo punto, ho tagliato delle doghe di compensato marino, larghe 100 mm., di spessore 19 mm. e di lunghezza adeguata, in modo da farle stare appoggiate sopra i due listelli da 20x20 mm. e tra i due listelli da 10x30 mm.

Tra una doga e l’altra, ho lasciato uno spazio di 20 mm. e quindi le ho unite insieme nella parte inferiore a gruppi di 

5 doghe, tramite due listelli di pino, messi perpendicolarmente e larghi 20 mm. (non visibili in questa foto) che poggiano sul fondo, ma incollati ed "inchiodati" alle doghe con un interasse di 400 mm. rispetto all’asse di mezzeria della barca.

 

 

Con questo sistema, il peso sopra al paiolato, viene ad essere distribuito equamente tra i due listelli che tengono unite le doghe e gli altri due listelli incollati al fondo della barca, sopra gli spigoli.

Nel disegno originale, era prevista una deriva a baionetta, ma per utilizzare la barca lungo costa ed in acque spesso abbastanza basse, come serviva a me, ho ritenuto opportuno modificarla e farla diventare basculante, lasciando però la superficie immersa e la sua posizione, rispetto allo scafo, uguale al disegno.

La deriva, come pure la pala del timone, li ho realizzati incollando con resina epossidica, tre fogli di compensato marino a mò di sandwich, uno da 8 mm. al centro e due da 6 mm. ai lati, interponendo tra di essi uno strato di tessuto di vetro da 160 gr/mq., messo con la trama a 45 gradi, rispetto alla venatura del compensato.

 

Per il punto di snodo, sia della deriva che del timone, ho eseguito un foro passante da 18 mm. di diametro, sul "sandwich", quindi ho applicato un pò forzata, una boccola di teflon con un foro alesato da 10 mm. e dello spessore del "sandwich" stesso, quindi ho infilato un perno di acciaio inox ovviamente da 10 mm di diametro e largo quanto l’apertura della cassa, forato e filettato da M5 al centro, per poter fissare alle rispettive casse, sia la deriva che la pala del timone, tramite delle viti di acciaio inox da M5.

Per quanto riguarda il timone, invece, ho si lasciato invariata la parte immersa, ma l’ho completamente rivisto nella sua forma diciamo dell’opera morta e nel suo meccanismo per alzare e abbassare la pala, che avviene semplicemente alzando di qualche centimetro la barra per poi tirarla in avanti.

 

 

 

Terminati questi lavori, ho eseguito il ciclo di verniciatura all’interno della barca, con due mani di resina epossidica per impermeabilizzare il legno, quindi due mani di fondo poliuretanico bicomponente ed altre due mani di smalto opaco, sempre poliuretanico e bicomponente.

 

 

 

 

 

 

 <<< l'albero in legno  >>>

 

Entra nel Forum di

Home    catalogo    sommario barche    costruzioni    chi siamo     forum    newsletter    normativa  faq   mappa    contatti